Diario di viaggio, Eventi culturali & Co.

Tra cielo e terra: il monastero di Santa Maria de la Valldigna

Chi mi conosce sa che uno dei luoghi che più amo al mondo è l’abbazia di San Galgano, nella campagna senese. Per questo è stata ancora più grande la mia sorpresa quando ho scoperto l’esistenza di un monastero “tra cielo e terra” vicino a casa, in provincia di Valencia: Santa Maria de la Valldigna. Parlo di “scoperta” perchè è un monumento purtroppo poco noto, che ho trovato casualmente su Instagram tra le foto di un viaggiatore.

Anche questo, come quello di San Galgano, è un monastero cistercense, fondato nel XIII secolo, e anche qui ciò che lo rende speciale non è soltanto la grandiosità e bellezza della sua architettura, ma soprattutto quel senso di misticismo e di pace che trasmette ciò che dell’edificio non possiamo più vedere – ma che ci permette in realtà di vedere ben oltre. A San Galgano, della chiesa abbaziale rimangono solo l’ossatura perimetrale e la ripartizione interna, mentre sono perduti gli elementi di copertura. Questo ci consente di camminare tra i massicci pilastri, immaginando le grandi volte a crociera che scandivano le navate e osservando il cielo. Ai nostri piedi, il prato verde.

A Valldigna la chiesa è invece integra, nella sua stratificazione dal gotico al barocco, mentre risultano perdute le coperture e le arcate del chiostro e di altri edifici annessi, che lasciano così vedere importanti dettagli costruttivi altrimenti nascosti o meno evidenti (come le nervature delle volte, ricollocate in loco durante gli interventi di restauro) e ammirare al di là di essi il meraviglioso paesaggio nel quale è immerso il monastero. Le morbide colline di San Galgano, animate da cipressi e girasoli, lasciano qui il posto a distese di alberi d’arancio [Sedersi tra le rovine e assaggiarne un frutto è stata un’esperienza bellissima].

Durante la primavera e l’estate il monastero richiama un discreto numero di turisti, ma oggi sembrava tutto per me, in una giornata di gennaio con un sole caldissimo [27 incredibili gradi!]. Ho passeggiato lentamente attraverso il complesso assaporandone ogni angolo, sedendomi ogni tanto a leggerne la storia sulla pagina web e fotografando ogni dettaglio. Insomma, ho dedicato un paio d’ore alla visita, ma non c’è un percorso fisso. L’importante, credo, in un posto così, è non avere fretta.

 

Informazioni utili:

Il monastero è visitabile tutti i giorni dalle 9.00 alle 15.00 e dalle 16.00 alle 18.00 (dal 1 giugno al 30 settembre dalle 9.00 alle 14.00 e dalle 17.00 alle 20.00). Sono disponibili diverse tipologie di visite guidate, con e senza prenotazione. Purtroppo attualmente non è più reperibile la monografia del monastero, ma notizie abbastanza dettagliate sulla storia del complesso si trovano nella pagina web e in una brochure all’ingresso che vi consiglio di prendere prima della visita (in castigliano, catalano, inglese, francese e tedesco). Nella grande sala a sinistra del portico d’ingresso, un tempo adibita a frantoio e granaio, è oggi allestita una piccola esposizione permanente sulla storia del monastero. Tra i pezzi esposti una ceramica dipinta proveniente dalle antiche cucine, che recita:

El que guisa con limpieza
y con caridad reparte
en el cielo tiene parte
si en gastar tiene pobreza.
si de verdadera paz
alcanzar quieres la ciencia
ten en lo adverso paciencia.

 

 

 

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.ilmioduende.com/2018/01/23/tra-cielo-e-terra-il-monastero-di-santa-maria-de-la-valldigna/
Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *